Bollette Acqua: rimborsi in arrivo

Segnaliamo con piacere una bella notizia, infatti oggi parliamo di rimborsi in arrivo dall’Autorità per l’energia che ha recentemente comunicato l’inizio del procedimento destinato alla restituzione ai cittadini degli importi indebitamente versati nelle bollette dell’acqua nel periodo post referendum, cioè nell’arco di tempo compreso tra il 21 luglio e il 31 dicembre 2011.

Questo annuncio segue il parere del Consiglio di Stato che la stessa Autorità per l’energia aveva anzi tempo richiesto per conoscere l’esatta decorrenza temporale dei propri poteri in materia di tariffe dell’acqua, dato che nel corso delle consultazioni pubbliche svolte nel 2012 emersero opinioni divergenti al riguardo. Il parere richiesto è arrivato mostrando come il Consiglio di Stato abbia giudicato non coerenti i criteri di calcolo delle bollette col quadro normativo uscito dal referendum del 12-13 giugno 2011. Sempre il Consiglio di Stato ha confermato quanto precedentemente affermato dalla Corte Costituzionale: dal 21 luglio 2011, data di proclamazione della vittoria referendaria, la remunerazione del capitale investito doveva cessare di essere calcolata in bolletta. Ma cosa vuol dire tutto ciò?

Questa sentenza arriva semplicemente a rafforzare la necessità di rispettare il referendum del 2011 e delegittima le scelte che hanno guidato l’AEEG nella formulazione della nuova tariffa, emessa un mese fa, in cui “la remunerazione del capitale investito” viene reintrodotta sotto mentite spoglie. Infine segnaliamo ai nostri lettori che la mobilitazione contro la “nuova” tariffa AEEG è già iniziata.

Continuate a seguirci, sempre qui, se volete essere aggiornati per tempo su tutte le principali novità economiche, comprese i rimborsi delle bollette dell’acqua, argomento di cui torneremo, quasi sicuramente, a parlarne in futuro. Buona lettura a tutti!

eur1